Come fare la scelta giusta anche quando appare difficile?

Spesso durante il corso della vita, ci si trova ad un bivio o di fronte a una scelta che appare impossibile. Pensieri contrastanti si riversano nella mente accompagnati dalle mareggiate irruenti di emozioni opposte tra di loro che sembrano travolgerci, fino a perdere quell’equilibrio che faticosamente avevamo, per l’ennesima volta, ritrovato.

Per alcuni si tratta di una nuova opportunità lavorativa, per altri di un incontro che potrebbe dare un nuovo senso alla propria vita, per altri ancora sono le semplici scelte che si ripetono quotidianamente, ma per tutti il dilemma brucia all’interno come un fuoco che, nella bramosia di una risposta, consuma le sue braci fino a ridurle in cenere, e con esse ogni restante energia, disperdendo completamente la vitalità.

Quando l’ego parla, l’anima tace.

Vortici di pensieri veicolanti paura, ostilità e fallimento si schiantano contro emozioni eteree di grandezza, espansione e possibilità, dissolvendo ogni immagine di gioia sorta nella mente, disperdendo il profumo del nuovo fiore in divenire, fino a rendere ogni scelta impossibile.

Stritolato dal tempo che incalza che reclama chiarezza, nell’arena del tuo mondo interiore ti senti la vittima sacrificale delle tue stesse creazioni. Non puoi nulla, paralizzato nella morsa del dubbio e dell’indecisione, che come il gelo, irrigidisce il cuore e blocca il sentire.

L’abitudine di immergere la propria coscienza fuori da noi, perdendosi nei meandri del “reale”, dissipando la consapevolezza in una parziale identità, sradica la mente dall’Essere e da “Sacra Spada della Verità” diviene fucina di eterni tormenti.

Il dubbio e l’incertezza esistono solo nella mente.

Dietro le quinte, oltre il campo di battaglia nello scenario mentale, l’incertezza, le controversie e l’ambiguità non esistono.

Nelle ampie valli e infinite distese dell’anima, tutto tace e solo la verità può affiorare.

Quando trovi la forza per distaccarti da tutto ciò, al pari di un’osservatore immobile, quando tutto finalmente tace, è nel silenzio che puoi percepire la risposta.

Mentre i pensieri e le emozioni sono frutti del nostro ego, che fonda le sue reazioni sulle esperienze del passato, le sensazioni sono il linguaggio della nostra anima. L’espansione, la gioia, l’energia come la contrazione, la sofferenza e la perdita di vitalità, ci indicano la distanza tra noi e la nostra meta.

L’anima attinge direttamente allo spirito infinito e porta con sè lo scopo del suo esistere. Colui che riconduce se stesso costantemente alla propria motivazione interiore, dirige i passi verso la propria luce.

L’individuo vive contemporaneamente in due mondi: nell’uno si affaccia all’esterno nell’altro verso l’interiorità. La felicità sorge con l’equilibrio creato, quando si percepisce di appartenere ad entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *