Non tutti i riti sono rivolti verso l’evoluzione – gli influssi lunari

Molti anelano al mistero e sono affascinati da parole quali “riti”, “streghe”, “magia”, … Vi sono operatori che, pur in buona fede, riuniscono persone per celebrare gesti rituali in varie occasioni durante il corso dell’anno e tutto ció con grande successo e partecipazione, sebbene si ignori del tutto la realtà del mondo invisibile.

Si usa giocare con il fuoco, senza sapere cosa si sta realmente facendo, immedesimandosi nei ruoli di ricercatori, che come bambini curiosi, sperimentano l’ignoto. Spesso chi si sente sulla via del risveglio si prodiga a coinvolgere gli amici e i propri cari, con inviti a volte forzati, per partecipare a questi incontri così “speciali”, che dovrebbero cambiare l’esistenza. Non è raro che ci si senta davvero “speciali” e talvolta persino “superiori” alla mediocrità della persona media assorta nel materialismo incombente.

Come bombe in un campo di concentramento, gli inganni sono disseminati ovunque.

Ogni individuo è prigioniero dei suoi automatismi e la sua evoluzione verso lo spirito avviene grazie la presa di coscienza dell’opacità della coscienza stessa in cui è silenziosamente immerso. Eppure, fino all’ultimo, è convinto di essere sveglio, di agire secondo la sua propria volontà, di compiere libere scelte nella vita, mentre in realtà è un sonnambulo che agisce ottusamente. La coscienza è sopita e sono  unicamente gli istinti e la forza meccanica inconscia che forniscono all’individuo la dinamicità necessaria, obbligandolo ad essere sempre lo stesso, giorno dopo giorno, anno dopo anno. È così che si attua quello che chiamiamo “destino” secondo un piano occulto che conduce verso un futuro del tutto prevedibile.

Ogni pianeta, come ogni corpo ed essere esistente nell’universo, emana vibrazioni elettromagnetiche che influenzano tutto ciò che esiste. L’essere umano è l’unico essere vivente che ha il potere di sottrarsi a tali influssi e di risvegliarsi a se stesso. Fino a quel momento è sottomesso a ricevere dal mondo esterno gli impulsi necessari per partecipare attivamente alla vita strappandolo ad un’inerzia mortale.

In attesa di disporre di un proprio “alimentatore” personale, la coscienza, che lo renderà unico nell’universo e gli permetterà di esprimere la sua vera natura. Fino a quel giorno, i pianeti, gli astri, così come ogni informazione sedimentata  nell’inconscio agiranno per lui e provocheranno le reazioni necessarie affinchè possa andare avanti in un’esistenza lineare e piatta, che gli assicura di continuare a vivere.

La luna, di cui tanto si parla in questi giorni prossimi all’eclissi, ha una notevole influenza sul mondo emotivo interiore e sulla mente. Con i suoi influssi accresce la permeabilità e la reattività agli stimoli esterni. L’uomo che vive nutrito dalla luce riflessa lunare è prigioniero di se stesso, trattenuto dalle basse vibrazioni elettromagnetiche che lo pervadono inesorabilmente e lo ancorano, impedendogli di accedere ai mondi interiori superiori del Sé.

La luna è un grande emettitore di elettromagnetismo e in un certo senso sottrae energia all’individuo inconsapevole, “nutrendosi” della sua coscienza. Per questo in antichità si pensava che l’anima dei morenti spiritualmente immaturi venisse risucchiata, magnetizzata, attratta dal campo energetico della luna, che veniva arricchito dalle loro vibrazioni, accrescendo la sua influenza e il suo potere su tutta l’umanità.

In fondo si tratta di uno scambio alla pari! Chi dorme nella coscienza ha la necessità reale e quotidiana di essere alimentato dai suoi influssi, che come l’energia fornita da una pila,  gli permette di muoversi nella vita.

Nei momenti in cui ci capita di compiere delle azioni stimolati dagli impulsi automatici che non lasciano spazio alla riflessione e alla scelta o di dire parole e frasi senza sapere perché, si affaccia per noi un’opportunità per il cambiamento. In quei momenti talvolta ci risvegliamo a noi stessi scossi da una coscienza che vorrebbe emergere mostrando un’altra direzione. È qui che possiamo agire, modificando consapevolmente e liberamente ciò che abbiamo appena detto o fatto, cambiando in tal modo il nostro “destino”. Non siamo condannati alla schiavitù della Matrix, al contrario abbiamo opportunità ad ogni  angolo del nostro percorso, basta saperle riconoscere!

Chi edifica interiormente nobili impulsi spirituali, alimentando giorno dopo giorno il desiderio di diventare una persona migliore, interrogandosi su ogni questione dell’esistenza, può sottrarsi coscientemente ai suoi influssi e  riprendere in mano le redini della propria vita, per diventare libero di esprimere l’Amore! Questo è il dono finale!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 commenti su “Non tutti i riti sono rivolti verso l’evoluzione – gli influssi lunari”